info@saperessere.com - Chiamaci: 06 51 31 400

Blog

14 Dic 2017
psiconcologia-post

Dal 1 Dicembre è disponibile presso lo store ebookecm.it il nostro primo e-book ECM. L’e-book nasce dall’esperienza di un corso in aula progettato e realizzato da Studio Saperessere con la Dottoressa Monica Napoleone. La partnership con un editore scientifico internazionale come Springer Healthcare Italy ha portato, in seguito, alla realizzazione di questo e-book e al suo accreditamento ECM.

e-book
Corso Base di Psiconcologia

La Psiconcologia è una disciplina di confine tra l’Oncologia, la Psicologia e la Psichiatria e ha come obiettivo l’attenzione costante alla qualità di vita del malato oncologico e della sua famiglia. Negli ultimi anni molte ricerche hanno dimostrato l’efficacia dell’intervento della Psiconcologia e grazie a ciò è cresciuta in tutto il mondo l’attenzione al “dolore psicologico”, causato dalla malattia.

L’e-book fornisce la conoscenza della psiconcologia attraverso la storia, lo sviluppo delle ricerche e gli strumenti utili per un intervento, tenendo soprattutto conto dei bisogni che ogni fase della vita richiede.

Gli argomenti trattati sono i seguenti:

  • Storia e stato dell’arte della Psiconcologia
  • Modelli d’intervento e ricerca
  • Reazioni psicologiche alla scoperta della malattia
  • Il cancro nell’età evolutiva, negli adulti e nel sistema famiglia
  • Il cancro negli adolescenti
  • Diritti dei pazienti oncologici

Autore
A cura della Dott.ssa Monica Napoleone 

Editore
Springer Healthcare Italia

Crediti ECM
5

Vuoi approfondire le tematiche della Psiconcologia?

Iscriviti al Corso
20 e 21 Gennaio 2017
dalle 09.00 alle 18.00

Presso il centro formazione di Studio Saperessere - Circonvallazione Ostiense, 80 - Roma

Vai alla scheda

post-ipad-psiconcologia
Acquista l'e-book

L’e-book è stato realizzato da
Studio Saperessere in collaborazione
con Springer Healthcare Italia.

L’e-book dà diritto
all’acquisizione di 5 crediti ECM.

13 Dic 2017
seminario_2 (1)

Oggi, 13 Dicembre 2017, si è tenuto il seminario “Apprendere nei Contesti di Lavoro Teorie e Pratiche, Alternanza scuola - lavoro e dintorni” presso la Facoltà di Medicina e Psicologia dell’Università Sapienza di Roma.

Il seminario, organizzato dal Dipartimento di Psicologia dei Processi di Sviluppo e Socializzazione dell’Università Sapienza di Roma e promosso dalla Società Italiana di Psicologia del Lavoro e dell’Organizzazione (SIPLO) e dall’Ordine degli Psicologi del Lazio, ha avuto come tema centrale l’apprendimento e le sue declinazioni di conoscenze e abilità.

Il seminario costituisce la prima iniziativa pubblica dopo il Protocollo di intesa siglato, recentemente, da Siplo e Ordine degli Psicologi del Lazio.

Scopo del seminario è stato, da una parte, coinvolgere i più importanti stakeholder dell’alternanza scuola – lavoro per un confronto aperto sul tema e, dall’altra, analizzare esperienze reali al fine di alimentare la riflessione e la pratica professionale.

L’apertura della giornata è stata affidata ai docenti universitari della Sapienza Fabio Lucidi, Alessandra Talamo, Marino Bonaiuto e a Pier Giovanni Bresciani, Presidente di SIPLO, e Nicola Piccinini, Presidente dell’Ordine degli Psicologi del Lazio.

A seguire, gli interventi su “L’apprendimento sul lavoro tra approcci teorici, forme istituzionali e pratiche operative” del Presidente SIPLO Pier Giovanni Bresciani, dell’Esperto di processi formativi Giuseppe Porzio e di Sara Cervai dell’Università di Trieste.

In conclusione della mattinata, Pier Giovanni Bresciani, Maurizio Del Conte (Presidente ANPAL), Lucia Valente (Assessore lavoro, pari opportunità e personale della Regione Lazio), Roberto Benaglia, Fabrizio Proietti, Licia Cianfriglia hanno esaminato la dimensione dei “Problemi e prospettive dell’alternanza scuola-lavoro in Italia”.

La seconda parte del seminario, introdotta e coordinata da Marco Vitiello (Coordinatore GdL Psicologia del Lavoro – Ordine psicologi Lazio), ha visto la presentazione di significative testimonianze di esperienze formative ed educative. Le testimonianze (“Dalle pratiche alla teoria progetti e dispositivi per l’apprendimento in ambito lavorativo”) hanno riguardato alcune delle più note forme di apprendimento: Apprendistato di Alta Formazione, Progetto Erasmus Plus ed esperienze di alternanza scuola-lavoro con le Agenzie per il Lavoro.

Il Presidente del Corso di Laurea in Psicologia della Comunicazione e del Marketing, Marino Bonaiuto, ha raccontato l’esperienza sui “Progetti EU Erasmus Plus e H2020: sinergie tra Università e stakeholder”, mentre il Coordinatore Alternanza Scuola-Lavoro, Elios Li Greci, ha riportato la propria testimonianza sulle “Esperienze di alternanza scuola-lavoro con le Agenzie per il lavoro”.

In seguito, un breve Question Time dei partecipanti ha concluso le testimonianze.

In chiusura del seminario, Pier Giovanni Bresciani ha fatto un intervento conclusivo con il titolo “Per una alternanza ‘consistente’. Suggestioni per gli psicologi del lavoro e dell’organizzazione”.

13 Dic 2017
banner_apprendistato_completo
6 Dic 2017
decennale2

Dieci anni di lavoro coincisi, quasi in pieno, con la crisi economica. A fasi alterne ci siamo ingranditi, poi contratti e, chiusi a guscio, abbiamo affrontato momenti duri, senza mai attendere troppo la fantomatica ripresa.

Abbiamo così definito i nostri tratti principali: attenzione al valore umano della formazione e una tenacia nell’affrontare le difficoltà dell’essere piccoli e appena arrivati sul mercato.

Dieci anni. I primi cinque in cui abbiamo definito sempre meglio la nostra identità di professionisti della formazione: con le aziende, per le persone, nel digitale. Un gruppo di professionisti che si unisce e inizia a mescolare le competenze e a vedersi come impresa.

Negli anni successivi ci siamo accreditati presso fondi, Università e istituzioni e ci siamo orientati verso nuovi ambiti di intervento: nei servizi per il lavoro e nello sviluppo di competenze a prova di futuro.

Abbiamo cambiato sei sedi e oggi siamo in un centro di formazione che sarà la nostra casa per i prossimi anni: un hub di servizi per la formazione per tutti i nostri clienti e partner.

Siamo grati per quello che abbiamo vissuto e fatto, ma soprattutto vogliamo guardare ai prossimi anni, sempre più convinti che il lavoro e la formazione siano centrali nella vita di ciascuno di noi.

Ieri durante la festa per il decennale di Saperessere, Edoardo Leo,  attore e regista, ha parlato del valore del fallimento, del sapersi reinventare e reagire ripartendo anche da zero. Nel parlare della sua esperienza di lavoro nel cinema, ha sottolineato l’importanza del talento, ma anche il pericolo di  disperderlo se non è accompagnato da dedizione e passione.

Auguri Saperessere, ripartiamo da qui.

Guarda la gallery della serata

28 Nov 2017
nuova fondimpresa e sepng

Studio Saperessere accreditato a Fondimpresa

Studio Saperessere è diventato Soggetto Proponente accreditato.

Fondimpresa, Fondo interprofessionale per la formazione continua, ha istituito un Regolamento di qualificazione dei soggetti proponenti dei piani formativi per gli Avvisi del Conto di Sistema. Il regolamento, finalizzato a costituire un Elenco dei Soggetti Proponenti, velocizza le procedure di accesso ai finanziamenti e garantisce una sempre maggiore qualificazione delle attività formative.

 

Cos’è Fondimpresa?

Fondimpresa è il Fondo interprofessionale per la formazione continua di Confindustria, Cgil, Cisl e Uil dei lavoratori delle imprese aderenti.

Lo strumento della formazione promuove l’innovazione, lo sviluppo e la valorizzazione del capitale umano.

 

Il Conto di Sistema: cos’è e cosa fa?

Il Conto di Sistema è un conto collettivo che sostiene la formazione delle aziende aderenti, in particolare per le piccole imprese.

Attraverso la pubblicazione di Avvisi, il Conto di Sistema è utilizzato per finanziare progetti che raggruppano più imprese in base a fabbisogni formativi comuni per territorio o settore.

 

Quali sono gli ambiti d’intervento?

A partire dal 17 Novembre 2017, Studio Saperessere potrà presentare progetti a Fondimpresa a valere sulle risorse del Conto di Sistema relativi a:

Formazione rivolta a lavoratori appartenenti ad imprese di tutti i settori, compresi i soggetti posti in mobilità, con esclusione della formazione della formazione sulle tematiche dell’ambiente e della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro e della formazione sulla tematica dell’innovazione tecnologica di prodotto e di processo;

  1. Formazione rivolta a lavoratori appartenenti ad imprese di tutti i settori, compresi i soggetti posti in mobilità, con esclusione della formazione della formazione sulle tematiche dell’ambiente e della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro e della formazione sulla tematica dell’innovazione tecnologica di prodotto e di processo;
  2. Formazione sulla tematica dell’innovazione tecnologica di prodotto e di processo rivolta a lavoratori appartenenti ad imprese di tutti i settori, compresi i soggetti posti in mobilità.

 

Per maggiori informazioni scrivi a formazionefinanziata@saperessere.com o chiama al numero 06 5131400.

nuova fondimpresa e sepng
24 Nov 2017
pexels-photo

Cosa spinge le persone a comprare
anche senza un bisogno reale?

Il nostro Marco Vitiello, intervistato da Wired, spiega come spesso i sentimenti di rivalsa, di competizione e il bisogno di fare gruppo sono una spiegazione agli acquisti compulsivi e impulsivi dei consumatori.

Offerte. Offerte. Offerte. Un mantra che, a meno che non vi troviate in ritiro su Marte, si ripete da giorni. Come d’abitudine quando si avvicina il Black Friday, l’inizio delle tradizionali spese natalizie Oltreoceano, ma da qualche tempo una consuetudine anche nostrana, all’indomani del Giorno del ringraziamento. Una consuetudine che, non di rado, si concretizza in file lunghissime, acquisti compulsivi e maratone davanti al computer. Soprattutto virtuali, anche alla luce degli ultimi dati diffusi in materia, che mostrano le vendite e le intenzioni di acquisto durante il Black Friday nei negozi in picchiata, e gli acquisti online in opposta tendenza. Secondo alcuni, come anticipavamo, le corse e la smania da Black Friday e relativo Cyber Monday potrebbero scemare negli anni a venire, complici certo anche iniziate competitor. Ma che l’immagine delle code davanti al cento commerciale o negozio venga sostituita con quella delle alzatacce davanti al pc, vien da chiedersi, cos’è che in occasioni così spinge i consumatori a comprare, spesso anche senza un reale bisogno? Cosa accade da un punto di vista psicologico e come è possibile spiegare le sgomitate, le corse lungo le corsie dei centri commerciali all’ultimo prodotto?

Negli anni sono diversi gli psicologi che si sono interrogati sul tema e hanno abbozzato alcune possibili risposte, chiamando in causa concetti diversi per tentare di dare spiegazioni.

Da quello di riconoscimento identitario nell’atto dell’acquisto, alla competizione, al sentimento di rivalsa, di partecipazione e appartenenza– aderendo a iniziative come queste – a un gruppo.

Noi ne abbiamo parlato con Marco Vitiello, coordinatore del gruppo tecnico di Psicologia del lavoro dell’Ordine degli psicologi del Lazio.

Posso anche io

Se tradizionalmente i brand cercano di giocare sul livello di bisogno degli utenti in un piano funzionale, legato al concetto di utilità – che comunque chiama in causa il anche quelli di status symbol e il riconoscimento identitario – nel caso di sconti e promozioni eccezionali questo modello cambia, racconta Vitiello: “In questo caso il marketing, perché di questo si tratta, agisce su un livello di bisogno non legato a un prodotto, ma stimola un sentimento di rivalsa rispetto a una percezione di non equità nei confronti di marche o prodotti di un certo tipo”.

Le promozioni, specie quelle in momenti di crisi, di difficoltà lavorative, funzionano, secondo lo psicologo come delle leve, veicolando il concetto di occasione, accompagnato dall’idea “posso permettermelo anche io adesso”, “posso accaparrarmi questo finalmente al prezzo giusto”. “Tendenzialmente, ma non in senso assoluto, chi si trova in condizioni più svantaggiate percepisce di più questo momento, come l’occasione per permettersi qualcosa che altrimenti non potrebbe, per avere accesso a qualcosa in altri momenti preclusa”, puntualizza Vitiello.

pexels-photo

Faccio gruppo

Strettamente correlato al concetto di occasione, all’idea dell’”anch’io posso”, è il concetto di partecipazione che si scatena in momenti di grandi offerte. “Eventi come il Back Friday stimolano la necessità di far parte di un movimento, e il concetto di socialità attecchisce molto, specie tra le generazioni più giovani – va avanti Vitiello – contribuendo a sentirsi alla moda”.

C’è però poi almeno anche un altro fattore, vicino a questo. Secondo Kit Yarrow, specialista in psicologia dei consumi della Golden Gate Univeristy, chi decide di mettersi in fila fuori da un negozio o un centro commerciale in occasione del Black Friday non lo fa sempre con l’idea di fare affari né puramente secondo l’idea di fare gruppo. In gioco entrano anche altri aspetti, che mescolano le tradizioni, l’idea di famiglia e il piacere di stareinsieme“Le persone fanno acquisti perché è quello che hanno sempre fatto. C’è un forte elemento legato alla tradizione”, ha spiegato su Popular Science Yarrow, “Alcune persone hanno veramente fatto questo ogni anno da quando erano piccole… A volte lo shopping è l’unica cosa su cui andare d’accordo. È qualcosa che tutti possono fare”. In teoria.

Voglio vincere

Le dinamiche del Black Friday, ma anche del Cyber Monday o del Prime Dayhanno in comune il fatto che si consumano in periodi di tempo limitato. Ma non solo. Sono molto spesso legati anche al concetto di scarsità“Quando gli essere umani devono soddisfare un bisogno, qualsiasi esso sia, vanno in competizione con la massa, e il marketing lo sa benissimo”, riprende Vitiello. Il concetto di scarsità è un principio persuasivo importante sulle persone, come quello legato a disponibilità ridotta di tempo, che insieme possono inasprire il meccanismo di convincimento prima e poi di accaparramento. “Quando un prodotto è limitato scatta il meccanismo della competizione, per vincere ed essere protagonisti non solo della gara ma anche di quel sentimento di rivalsa di cui parlavamo”, spiega Vitiello.

Anche Bridget Nichols, professore di Marketing and Sports Business alla Northern Kentucky University, sul New York Times spiega come eventi di promozione trasformano il mondo dei consumi in una competizione in cui c’è chi vince e chi perde. Una competizione che si rinforza nel momento in cui l’evento del Black Friday – o simili – venga condiviso con amici e parenti, e che acquisisce anche il sapore del bonding, del legame dato dal fare qualcosa insieme per uno scopo. Questo atteggiamento, spiega Nichols, potrebbe anche spiegare i cattivi comportamenti, come lo scippo di merci da carrelli altrui e il contendersi di un prodotto. Che una volta acciuffato diventa così una sorta di trofeo simbolico, per dirla secondo Tomas Chamorro-Premuzic, professore di business psychology all’University College London, intervenuto su Guardian in materia di acquisti impulsivi.

vitiello

Marco Vitiello
Amministratore unico di Studio Saperessere

Coordinatore GdL Psicologia del Lavoro – Ordine degli Psicologi del Lazio
Docente Psicologia del Lavoro e delle Organizzazioni Facoltà di Medicina e Psicologia – Professioni Sanitarie – Università “Sapienza” – Roma

20 Nov 2017
Banner_UX_post
Banner_UX

IDEaCT – User Experience Unit, in collaborazione con Studio Saperessere, presenta il corso “UX4U: User Experience e Service Design a supporto dell’innovazione tecnologica” per Liberi Professionisti e Aziende.

Il percorso formativo, finanziato con fondi POR FSE della Regione Lazio, è a titolo gratuito per i partecipanti.

Descrizione corso

Barretta

IDEaCT – User Experience Unit (Dipartimento di Psicologia dei Processi di Sviluppo e Socializzazione, Università Sapienza di Roma) è un laboratorio interdisciplinare che si occupa di innovazione tecnologia a sostegno delle imprese. IDEaCT propone alle imprese progetti di collaborazione finalizzati all’analisi dei contesti d’uso delle ICT (Information and Communication Technologies) e alla progettazione/riprogettazione di prodotti e servizi basate su di esse.

La User Experience sta progressivamente assumendo un ruolo centrale nella progettazione delle tecnologie interattive. Queste ultime sono oggi chiamate a rispondere sempre di più alle mutevoli e diversificate esigenze del contesto (utenti e mercato). Per questo, accanto alla progettazione ingegneristico-informatica (hard skills) diventa cruciale analizzare e costruire il rapporto tra le tecnologie e l’uso quotidiano che ne faranno gli utenti (soft skills). UX4U insiste proprio su questo aspetto, proponendosi di fornire le competenze all’utilizzo dei metodi del Service Design Thinking nell’ambito dell’analisi e progettazione della User Experience per lo sviluppo di tecnologie interattive (app, siti web, dispositivi tecnologici e front-end di servizi tecnologici).

ada

Con la determinazione n. G04454 del 2 maggio 2016 la Regione Lazio ha approvato l’Avviso pubblico pluriennale “Crescita dell’adattabilità dei lavoratori attraverso la formazione continua” nell’ambito del POR FSE 2014-2020 – Asse 3 – Istruzione e Formazione.

La formazione è finanziata da Regione Lazio – Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola e Università che vuole sostenere le imprese nello sviluppo delle competenze, nella crescita del capitale umano e per aumentare la competitività sul territorio.

Per maggiori informazioni clicca qui

Destinatari

Barretta

I percorsi formativi sono rivolti a:

Liberi professionisti in possesso di P.IVA con domicilio fiscale nella Regione Lazio (ADA 3): ingegneri, informatici, designer, psicologi, scienziati sociali e tutti quei professionisti interessati alla consulenza ed all’intervento in ambito di innovazione tecnologica

oppure

Aziende (ADA 2) operanti nel campo dell’innovazione tecnologica/con settori specializzati in tale ambito/interessate a svilupparsi in tale ambito.

Programma del corso

Barretta

Il corso prevede 4 macro moduli dove verranno rispettivamente approfondite le seguenti tematiche:

  1. Analisi della committenza e della domanda di consulenza;
  2. L’esperienza utente: cosa è e come si rileva;
  3. Gli strumenti del Service Design Thinking;
  4. Strumenti di analisi e progettazione della UX.

Sede e durata

Barretta

Il corso si svolgerà presso il centro di formazione Studio Saperessere, Circonvallazione Ostiense 80.

Il corso ha la durata complessiva di 80 ore e si svolgerà nell’arco di 4 mesi con una distribuzione settimanale tra le 6 e le 12 ore. Il dettaglio del calendario sarà comunicato ad inizio 2018.

Quota di partecipazione e candidatura

Barretta

Il corso, in quanto finanziato dalla Regione Lazio, è gratuito per i partecipanti che rientrano nelle categorie sopra elencate.

Per presentare la propria candidatura compila il modulo che trovi di seguito, entro l’8 Dicembre.

Si richiede pertanto di inviare la propria candidatura entro i tempi indicati ed attraverso il percorso indicato di seguito.

IDEaCT si avvale della collaborazione di Studio Saperessere per la presentazione del progetto formativo e finanziato “UX4U: User Experience e Service Design a supporto dell’innovazione tecnologica”.

Partner

Barretta

IDEaCT, User Experience Unit. Dipartimento di Psicologia dei Processi di Sviluppo e Socializzazione. Università di Roma Sapienza.

logo-dip
logo-dip_ux
SE_LOGO_12

Selezione partecipanti

Barretta

Verranno selezionati un totale di 16 partecipanti (inclusi gli uditori) secondo l’ordine di presentazione delle candidature e il profilo degli stessi.

Nome Azienda/Titolare Partita IVA:

Nome Referente (richiesto)

La tua email

Sono un libero professionista
No

Sono un'azienda
No

Numero di Telefono

Accetto l'informativa sulla Privacy: *

Contatti

Studio Saperessere srl

Circonvallazione Ostiense 80

00154 Roma –  Tel. 06.51.31.400

avagali@saperessere.com

Dove trovarci

15 Nov 2017
apprendisti
10 Nov 2017
Intervista Marco

La rubrica “Le interviste, Storie di Successo” della Consulta Giovani dell‘Ordine Psicologi del Lazio, attraverso interviste a professionisti, ha lo scopo di avvicinare i giovani al mondo del lavoro, supportandoli nella progettazione della propria carriera.

Il primo professionista intervistato è il nostro Marco Vitiello.

Il prof. Marco Vitiello come molti adolescenti, sognava di diventare un calciatore ed un cantante. Pur essendosi cimentato in entrambe le carriere, non sta lavorando né sui campi da calcio né sui palchi. Ad oggi si occupa di Psicologia del Lavoro e delle Organizzazioni: è professore a contratto, socio d’azienda e coordinatore del gruppo di lavoro dell’Ordine degli Psicologi del Lazio sulla Psicologia del Lavoro. Ad oggi è soddisfatto di ciò che è diventato senza sentire di aver tradito i propri sogni.

Perché? Ha capito che non era il microfono o il pallone a definire chi fosse ma la passione e le emozioni che viveva quando era nella squadra o davanti la platea. Si è focalizzato sulle proprie attitudini (Ponzio, 1940). Le attitudini sono terreno fertile per far accrescere le capacità, le competenze e per individuare la tipologia di lavoro più idoneo a ciascuno di noi.

Significa chiedersi:

  • Come mi comporto d’istinto nelle situazioni nuove?
  • Cosa mi riesce meglio?
  • Cosa mi piace fare?
  • Cosa mi rende soddisfatto?

Bisogna rintracciare similitudini tra esperienze che a prima vista sembrano distanti, sconnesse. Spesso si guarda al passato lavorativo come un accumulo di esperienze e alla formazione come conoscenze frammentate, mentre è più utile coglierne gli aspetti di continuità. Farsi domande e dare valore anche ai “lavoretti” permette di individuare le proprie qualità. Ad esempio il prof. Vitiello ci narra di come ha trasformato il ruolo da “ragazzo dell’acqua e del vino” in una funzione interessante.

Ponzio M. (1940). Attitudini e capacità nello studio e nel lavoro. Atti dell’Istituto Nazionale delle Assicurazioni, vol. XXII.

8 Nov 2017
Linkedin_fb

Il corso più completo per conoscere LinkedIn al 100% e usarlo fin da subito per migliorare la propria carriera, cambiare lavoro, trovare più clienti e diventare dei professionisti apprezzati.

Cosa imparerai al corso LinkedIn Networking

LinkedIn Networking è il corso completo al 100% per comprendere la vera logica di LinkedIn e capire come farlo funzionare per il tuo business. Immagina come sarebbe se con soli 30 minuti 5 volte la settimana potessi finalmente dare una svolta al tuo lavoro e raggiungere quegli obiettivi professionali che ti sono spesso sfuggiti di mano.

Contenuti del corso Linkedin Networking

MODULO 1 – Perché LinkedIn?
– Cos’è LinkedIn veramente e cosa ti può aiutare ad ottenere

MODULO 2 – I 3 pilastri di LinkedIn
– Profilo come presentazione
– Network come ponte verso nuove conoscenze
– Contenuti per attivare relazioni e reputazione

MODULO 3 – Primo pilastro: il profilo
– Informazioni sintetiche VS corpo del profilo
– Foto del profilo e sommario
– Il riepilogo e le esperienze lavorative
– La riprova sociale: competenze e segnalazioni
– Profilo pubblico e altri settaggi

MODULO 4 – Secondo pilastro: la rete
– Come funzionano le reti e come creare la propria policy
– Il network primario e come gestire le richieste in arrivo
– Come fare le ricerche avanzate e chiedere efficacemente il collegamento
– Gestire attivamente i collegamenti

MODULO 5 – Terzo pilastro: i contenuti
– Contenuti attivi e contenuti passivi
– Consigli, commenti e condivisioni
– Come utilizzare aggiornamenti personali e post
– Tecniche per aumentare la viralità degli aggiornamenti
– Contenuti efficaci

MODULO 6 – Definire una strategia e un piano di lavoro
– Identificare il giusto obiettivo e impostare la strategia
– Creare il piano di lavoro con il modello Link4biz

Dal 1 al 15 novembre sconto 20% 197€ anziché 250€

Cosa comprende il corso?
Quiz di valutazione e materiali pre corso

Giornata di formazione

Coffee break in aula

… e inoltre 3 utilissimi BONUS

Check list del profilo

Modello operativo piano di lavoro Link4biz

Attestato di fine corso e accesso al gruppo di assistenza

ISCRIVITI AL CORSO

Mercoledì 22 Novembre 2017

Dalle 9.30 alle 18

c/o Studio Saperessere

Circonvallazione Ostiense 80, Roma

MetroB Garbatella

ISCRIVITI AL CORSO

In collaborazione con:

logo_pag_grad_p

Alessandro Gini - LinkedIn trainer

IMG_9335-1024x683

Ha tenuto corsi LinkedIn in aziende di ogni dimensione (tra cui Fiera Milano, Arrow Electronics, American Express, Servier, Confartigianato, Galleria Massimo De Carlo…) e in numerose università (Università di Milano Bicocca, Università Statale di Milano, Università degli Stranieri di Perugia).
Lavora inoltre regolarmente con eccellenti centri di formazione come CFMT (Manager Italia + Confcommercio) e con enti e istituzioni a livello nazionale.

  • Più di 75 edizioni tra corsi aperti ed aziendali
  • Decine workshop e webinar informativi in fiere e festival
  • Oltre 1500 persone in aula tra corsi e workshop