info@saperessere.com - Chiamaci: 06 51 31 400

Blog

3 Ago 2017
People Looking Choosing at Colleagues Photo

La Regione Lazio ha pubblicato un nuovo avviso pubblico per i servizi per il lavoro: il bando di Ricollocazione Generazioni. Se il bando precedente era rivolto alle mamme con figli minori di 6 anni, questo è invece destinato ai soggetti tra i 30 e i 39 anni privi di impiego.

People Looking Choosing at Colleagues Photo

Requisiti

I requisiti per aderire sono:

  • essere residenti nel Lazio (o possedere un regolare permesso di soggiorno);
  • avere un’età compresa tra i 30 e i 39 anni;
  • essere inoccupati al momento della stipula del contratto di ricollocazione.

Nel caso i destinatari della misura siano in possesso di Partita IVA, la loro adesione è possibile solo se nei 12 mesi precedenti non ci siano presenti movimentazioni.

Accompagnamento al lavoro e reinserimento lavorativo

L’obiettivo del Contratto di Ricollocazione è promuovere un percorso personalizzato di accompagnamento al lavoro e favorire il reinserimento lavorativo per i soggetti inoccupati.

Il Contratto di ricollocazione ha una durata di 6 mesi dalla sottoscrizione dello stesso, salvo il conseguimento anticipato del risultato o il verificarsi di periodi di sospensione.

Struttura del percorso

I partecipanti saranno accolti da un soggetto accreditato a livello regionale per i servizi per il lavoro e accompagnati in un percorso di orientamento specialistico di 24 ore, finalizzato al reinserimento lavorativo.

Al termine dell’orientamento specialistico, il destinatario potrà scegliere se effettuare un percorso di accompagnamento al lavoro subordinato o un percorso di accompagnamento al lavoro autonomo.

Il percorso di accompagnamento al lavoro subordinato (da 36 a 93 ore) è definito da attività quali: redazione del curriculum vitae, preparazione a un colloquio, condivisione di competenze base e trasversali per il placement, principi base di contrattualistica e del mercato del lavoro e ricerca in autoconsultazione delle vacancies occupazionali. Dopo aver concluso l’orientamento specialistico i destinatari, che avranno scelto il percorso di lavoro subordinato, potranno svolgere un tirocinio (della durata compresa tra 1 e 3 mesi) o un periodo di formazione per la specializzazione e l’aggiornamento delle competenze emerse.

Il percorso di accompagnamento al lavoro autonomo (da 76 a 93 ore) è definito da attività quali: scouting di bandi, ricerca di finanziamento, supporto della struttura di un business plan, principi base in materia giuridico-fiscale, budgeting e controllo di gestione. I destinatari che avranno scelto l’accompagnamento al lavoro autonomo, al termine della fase di orientamento specialistico, possono partecipare al percorso integrativo di formazione per la specializzazione e l’aggiornamento delle proprie competenze.

Quando aderire

I soggetti interessati potranno inviare, per via telematica, la loro domanda di partecipazione a partire dalle ore 14.00 del 4 settembre 2017.

Per maggiori informazioni: http://www.regione.lazio.it/binary/rl_main/tbl_documenti/LAV_DD_G10894_01_08_2017_Allegato1.pdf

logo-performare

Sportello territoriale Performare
Servizi di orientamento
Formazione
Accompagnamento al lavoro
c/o Studio Saperessere Srl
Circonvallazione Ostiense, 80, Roma
email: cdricollocazione@performare.eu

31 Lug 2017
chiusura_estiva
Chiusura Estiva

Siete già in ferie? Noi ancora no.
Prima di lasciare le infradito sotto l’ombrellone e correre verso il mare, stiamo preparando le attività che partiranno da settembre e raccontarvi alcune importanti novità:

Accreditamento Regione Lazio
Dal 25 luglio Saperessere è diventato Ente di Formazione accreditato per la Regione Lazio.

Formazione Finanziata con FonARCom
Continua e si consolida la nostra esperienza sulla formazione finanziata con FonARCom.
Stiamo lavorando con le aziende aderenti sui voucher attivi.

Corsi in aula Saperessere
I nostri spazi e servizi per la formazione e il nostro network di docenti insieme per offrirvi nuove opportunità di aggiornamento.
A settembre partiremo con il corso di Business Analysis e Agile Project Management e in autunno una nuova edizione del corso di Psiconcologia.

 

Bene, ora siamo pronti anche noi per entrare in modalità ferie.
Studio Saperessere resterà chiuso, da Lunedì 7 a Domenica 27 Agosto 2017.
Le attività riprenderanno a partire da Lunedì 28 Agosto 2016.

Buone Vacanze a tutti!        

31 Lug 2017
avviso 02

Studio Saperessere Srl, ente accreditato presso FonARCom, svolge attività di consulenza per le aziende che vogliono finanziare la propria formazione. Con il nostro aiuto, le aziende già aderenti, o in fase di adesione, potranno presentare progetti di formazione su uno dei seguenti strumenti:

  • Progetti Monoaziendali a valere sull’Avviso Generale di prossima apertura;
  • Progetti Interaziendali a valere sull’Avviso Generale di prossima apertura;
  • Voucher individuali.

Per quanto riguarda i voucher attivi di FonARCom, di seguito riportiamo le schede di sintesi relative a:

  • Avviso 02/2017 per i Dirigenti
  • Avviso 03/2017 per neoassunti
  • Avviso 04/2017 Detto/Fatto! aziende
  • Avviso 05/2017 per Studi Professionali

Vuoi presentare un progetto formativo con FonARCom?

Compila il form

Raccontaci la tua esigenza:

Nome Azienda:

Nome Referente (richiesto)

La tua email

Il tuo recapito telefonico

Sei già iscritto a Fonarcom?

Sei già iscritto ad altro fondo?

Accetto l'informativa sulla Privacy: *

31 Lug 2017
Banner_accreditati
Banner_accreditati

Studio Saperessere è diventato Ente Accreditato di Formazione della Regione Lazio. Con la determina N. G10480 del 25/07/2017 Studio Saperessere ha ottenuto l’Accreditamento in ingresso della Regione Lazio. In dieci anni siamo cresciuti e da Studio Associato di professionisti, siamo diventati una srl, abbiamo ampliato la nostra rete di accreditamenti consolidando le competenze sulla formazione finanziata su progetti FSE e sui fondi interprofessionali, in particolare con FonARCom e Forma.Temp.
L’Accreditamento alla Regione Lazio è un momento di passaggio importante per tutti noi. Si aprono nuovi scenari, si ampliano le possibilità di finanziare le iniziative di formazione e orientamento, si intensificano le relazioni con il territorio e le imprese.

Cos’è l’Accreditamento della Regione Lazio?

L’Accreditamento è l’atto tramite il quale la Regione Lazio ha riconosciuto l’idoneità a Studio Saperessere per realizzare interventi di formazione professionale. Le attività di formazione sono finanziate grazie a risorse pubbliche, nel pieno rispetto della programmazione regionale.

Quali sono gli ambiti di intervento di un ente accreditato?

Grazie all’Accreditamento della Regione Lazio, Saperessere può realizzare attività di formazione professionale e orientamento nei seguenti ambiti:

  1. Formazione superiore per la specializzazione e riqualificazione di diplomati disoccupati e inoccupati over 18;
  2. Formazione continua per i lavoratori (compresi i percorsi obbligatori per la sicurezza), tramite attività volte a migliorare le conoscenze e capacità per adeguarsi ai continui cambiamenti sociali e tecnologici richiesti da imprese e mercati;
  3. Orientamento in ingresso e accompagnamento in uscita dai percorsi di formazione.

Cosa possiamo fare in più?

Grazie all’Accreditamento, Studio Saperessere ha l’intento di proporre:

  • Percorsi formativi che siano in linea con le direttive e con gli standard regionali;
  • Formazione finanziata per tutti i progetti in risposta ad avvisi pubblici della Regione Lazio e dei principali fondi interprofessionali;
  • Offerta di corsi privati riconosciuti nella Regione Lazio, in linea con gli standard del repertorio regionale dei profili professionali.
19 Lug 2017
Leggo_NEET_VITIELLO (1)

Generazione Neet. Non studia e non cerca lavoro il 20% degli under 24, Italia ultima in Europa. Solo contratti atipici agli occupati, aumenta la povertà. E si fanno figli 5 anni dopo la media Ue.

Leggo_NEET_VITIELLO (1)

L’Italia è il paese con la percentuale più alta di Neet (not (engaged) in education, employment or training), cioè soggetti, perlopiù giovani, non impegnati nello studio, nella formazione o nel lavoro. Il nostro Marco Vitiello è stato intervistato, da Leggo, su questo fenomeno in crescita e sul futuro dei giovani italiani di oggi.

Secondo un’indagine di quest’anno, condotta dall’Esde (Employment and Social Developments in Europe) e pubblicata dalla Commissione Europea, la percentuale di Neet in Italia nel 2016 è pari al 19,9%. Un dato allarmante e distante rispetto ai numeri degli altri paese europei, dove la media dei Neet si aggira intorno all’11,5%.

Di certo la crisi economica che ha investito il nostro Paese ha portato a fenomeni come l’aumento della disoccupazione e della povertà. Tuttavia basta leggere le percentuali di Neet di altri Paesi UE in crisi (come il 15,8% della Grecia o il 14,6% della Spagna) per prendere coscienza dell’alta percentuale di giovani italiani inoccupati, la maggior parte di un’età compresa tra i 15 e i 24 anni.

Di seguito l’intervista al nostro Marco Vitiello:

Cosa si aspettano i giovani?

«Hanno paura della giungla del lavoro. Gli autonomi sono costretti ad essere autonomi ma non sono preparati, incappando spesso in problemi fiscali. Poi ci sono i Neet: non si sentono all’altezza, vanno in crisi e rischiano patologie cliniche».

Ma perché ora?

«Perché sono figli della crisi scoppiata 10 anni fa quando le famiglie, potendolo fare, hanno ovattato la realtà superando le difficoltà con le risorse che avevano. E così i giovani hanno scoperto che il futuro non è promettente come pensavano».

Che futuro per i Neet?

«Purtroppo non si muovono. I ragazzi a 20 anni si sentono eterni ma il tempo passa. Invece dobbiamo formare una classe imprenditoriale, aiutare le imprese e puntare sul capitale umano».

22 Giu 2017
ada
banner_ada
Nuova finestra di presentazione di progetti formativi per l’Avviso pubblico pluriennale “Crescita dell’adattabilità dei lavoratori attraverso la formazione continua” (rif. Determinazione – n° G04454 del 02/05/2016 – €. 15.500.000,00, Asse 3 – Istruzione e Formazione). Nel 2016 ci sono state 2 sessioni di presentazione per ciascuna linea. Per il 2017 si seguirà la seguente calendarizzazione: Per Saperne Di Più

16 Giu 2017
Cropped man and woman using electronic device free image

L’alternanza scuola-lavoro è un’ottima occasione per gli studenti. Ma funziona davvero? Il nostro Marco Vitiello ne parla in un post pubblicato su il Fatto Quotidiano.

Cropped man and woman using electronic device free image

La misura introdotta dalla riforma della Buona Scuola, tra l’altro in forma obbligatoria, comincia a produrre i suoi risultati, purtroppo non tutti positivi. Si può azzardare qualche analisi da diversi punti di vista, ma è inevitabile inquadrare questa linea d’azione governativa innanzitutto in un ambito di specializzazione professionale “ponte” tra istruzione e politiche del lavoro: l’orientamento lavorativo.

Per Saperne Di Più

6 Giu 2017
mobbing

Il disagio lavorativo rappresenta una condizione di tensione generalizzata che si presenta sul luogo di lavoro. Le condizioni dei lavoratori, infatti, possono peggiorare con il tempo e questo comporta un aumento delle patologie fisiche e psichiche correlate al disagio lavorativo.

Le condizioni del disagio lavorativo sono molteplici: ci sono quelle che dipendono direttamente dal lavoratore (come il workaholism) e quelle che dipendono dagli altri attori del contesto lavorativo (come il demansionamento, il mobbing etc).

Di seguito proponiamo un’infografica che rappresenta:

  • le tendenze di incidenza del fenomeno a livello di genere e sui settori professionali;

  • alcune definizioni delle principali forme di disagio lavorativo;

  • dati e grafici sullo stress lavorativo (divulgati dall’Agenzia Europea per la Sicurezza e la Salute sul Lavoro).

Infografica disagio lavorativo
25 Mag 2017
18671571_10155346026434136_318040561797487789_o

In occasione del Festival della Psicologia: Viaggio nelle Emozioni, che si apre oggi a Roma, il nostro Marco Vitiello ci offre una riflessione sul lavoro come percorso di vita, come viaggio costante nelle strade della nostra realizzazione professionale e personale, come ricerca di nuovi equilibri emotivi e di significati. Il post è stato pubblicato sul blog di Psicologia del lavoro e delle Organizzazioni dell’ Ordine degli Psicologi del Lazio.

Il lavoro come percorso di vita, come viaggio costante nelle strade
della nostra realizzazione professionale e personale.

valigia

A chi non è capitato di fare un viaggio di lavoro? Quante persone lavorano in viaggio? Quanti ancora, e non solo nel passato, si sono messi in viaggio per cercare lavoro?

Per Saperne Di Più

11 Mag 2017
Ricollocazione donne con figli minori
infografica_ricollocazione4

Ad Agosto del 2016, la Regione Lazio ha dato il via alla presentazione delle domande per il Contratto di Ricollocazione riservato alle donne disoccupate e con figli minori di 6 anni. Vista l’alta richiesta di domande, dopo due mesi dall’inizio delle iscrizioni, la Regione Lazio ha deciso di aumentare il numero dei contratti di ricollocazione da 500 a 2000. A Febbraio 2017 sono iniziati i primi colloqui conoscitivi individuali e abbiamo incontrato le partecipanti, iniziando con loro questo percorso.

Grazie al percorso di Orientamento specialistico abbiamo cercato di ridurre la distanza tra la realtà lavorativa e le donne, abbiamo ascoltato le loro storie, ricostruito i percorsi professionali, riscoperto attitudini. Il percorso offerto è stata un’occasione per raccontarsi in modo nuovo e tornare protagoniste consapevoli del proprio futuro professionale. Al termine della fase di Orientamento specialistico, ciascuna partecipante sceglierà un percorso di Accompagnamento al lavoro subordinato oppure autonomo.

Per il lavoro autonomo si propone un supporto alla stesura di un business plan e alle conoscenze in ambito legale-fiscale. Il percorso porta all’apertura della partita IVA o alla costituzione d’impresa. Per chi sceglie l’Accompagnamento al lavoro subordinato, il percorso fornisce le competenze di base e trasversali per il miglioramento del placement.

La conclusione dell’Accompagnamento porta a percorsi di formazione ad hoc e/o tirocini in azienda legati alle competenze rilevate nel percorso di accompagnamento.

Selezione di profili e bonus per le aziende che
assumono

Ad oggi più di 100 partecipanti hanno scelto l’Accompagnamento al lavoro subordinato. Nelle prossime settimane pubblicheremo i profili da noi selezionati, per proporli alle aziende del territorio. Le imprese che attiveranno un contratto di lavoro subordinato potranno ricevere un bonus occupazionale da parte della Regione Lazio.

logo-performare

Sportello territoriale Performare
Servizi di orientamento
Formazione
Accompagnamento al lavoro
Circonvallazione Ostiense, 80, Roma
email: cdricollocazione@performare.eu

Quale profilo stai cercando per la tua azienda?

Descrivi il profilo:

Nome Azienda:

Nome Referente (richiesto)

La tua email

Accetto l'informativa sulla Privacy: *